La Citta' e le sue frontiere

 
 
 
 

Settimana Italiana della Scuola Normale di Parigi – 6/10 Novembre

 

Mostra fotografica di Stefano Montesi: “Lottare per la città : immagini e archivi della Pantanella” alla Normale di Parigi dal 30 ottobre al 19 Novembre.

urbi&orbi

 

 

Alessandro Parente è a Sedan (Francia) per la biennale di fotografia Urbi&Orbi (dal 1 agosto al 1 settembre 2017). Aprirà l’evento con le sue esperienze di fotografia itinerante al collodio umido in Messico, presentando inoltre il suo reportage “Tijuana / Resistance against the wall” sul muro di confine fra Messico ed USA

http://www.urbi-orbi.com/index.php?r=2&s=16
http://www.urbi-orbi.com/index.php?r=6&s=28
http://www.urbi-orbi.com/index.php?r=6&s=27

 

mostrafotografica

 

 

 

 

Museo Ebraico di Venezia

Mostra crossmediale

Volti e storie di una Comunità

Ritratti, oggetti, memorie

fotografie di Paolo Della Corte

dal 15gennaio al 5 marzo 2017

 

cop_n_12 _bb

 

Venerdì 16 dicembre 2016 alle ore 17.30 presso Spazio Parini di Como la rivista Oltre il Giardino presenta il suo ultimo numero ed il libro Un cuore all’indice con testo di Mauro Fogliaresi e foto di Gin Angri.

Oltre il Giardino nasce come associazione nel 2011 a sostegno della rivista che porta il medesimo nome, nata pochi anni prima in un Centro Diurno del Dipartimento di Salute Mentale dell’Azienda Ospedaliera Sant’Anna di Como.

Tre anni fa il sodalizio decide di autofinanziarsi e rendersi autonomo, per dare maggiore indipendenza e libertà ai propri soci che sono in buona parte volontari e utenti (per noi cittadini comuni, “utenti” solo nel momento di frequentazione del Centro Diurno per le riunioni di redazione). Associazione e giornale non sono solo: “psichiatria e disagio” ma promuovono un’idea di benessere che nasce da un nuovo modo di comunicare, di giocarsi il proprio tempo in modo meno “aziendalistico” e frenetico, dalla promozione di luoghi di cura solari e meno angusti, dal portare il bello in sedi destinate al buio, al cupo, al grigio, al trasandato, da una corretta informazione meno frivola, poco professionale e scorretta.

 

cop

 

“Oltre il Giardino” diventa associazione anche per promuovere e agevolare tutte le iniziative e le attività nate in parallelo all’uscita del periodico: laboratori di scrittura e fotografia, incontri di arte-terapia e musica, mostre fotografiche, pubblicazione di libri e cataloghi, cura e attenzione per l’area dell’ex manicomio di Como (manutenzione parco, il bosco delle parole dimenticate etc…etc…).

Fondatori e responsabili dell’associazione sono Il poeta Mauro Fogliaresi e il fotografo Gin Angri, che, già dagli anni Novanta con il sodalizio “Luoghi non comuni”, erano impegnati nel mondo del “sociale” culturale sul territorio comasco. Attuale presidente dell’associazione è Giuseppe Bruzzese volontario e peer supporter in carico al Dipartimento.

 

Mostra Dino Fracchia fronte

Mostra Dino Fracchia retro

 

 

 

 

mostra fotografica -Sicilia, anni Ottanta- con le fotografie di Dino Fracchia – 5/30 settembre 2016, Casa delle Culture, Acquedolci (Messina), tutti i giorni dalle 16 alle 20, inaugurazione Domenica 4 settembre ore 18,30

 

Il 30 giugno, alle 18, sarà inaugurata a Ferrara a Palazzo Turchi di Bagno, in corso Ercole I d’Este, 32 la mostra “Sahrawi. La dignità di un popolo”.

La mostra è stata organizzata dal Centro per la Cooperazione allo Sviluppo Internazionale di Ateneo, dal Sistema Museale di Ateneo, dal Comune di Albinea (RE) e dall’Università degli Studi di Tifariti (R.A.S.D.) con il contributo della Regione Emilia Romagna e il patrocinio del Comune di Ferrara, che da anni lavorano insieme ad un progetto  di cooperazione internazionale nei campi di rifugiati sahrawi in Algeria.

Le fotografie, scattate Stefano Montesi, fotoreporter professionista impegnato nel promuovere la conoscenza di culture diverse e popoli lontani, raccontano il popolo Sahrawi e la sua dignità: da un lato il popolo, la sua lotta, la sua cultura e le sue tradizioni, dall’altra la difficile quotidianità dei campi di rifugiati Sahrawi dei profughi e le inevitabili conseguenze della guerra.

parcolambro2

 

24 giugno – 8 settembre 2016

Inaugura giovedì 23 giugno 2016 alle 18.30 a Forma Meravigli (Milano) la mostra I giorni del Parco Lambro. Continuous Days, Milano 29/5/1975 – 26/6/1976, a cura di Matteo Balduzzi. La mostra, promossa da Fondazione Forma per la Fotografia e realizzata in collaborazione con COLLI Independent Art Gallery (Roma), VIAINDUSTRIAE (Foligno) e A+M Bookstore (Milano), resterà aperta al pubblico fino all’8 settembre 2016. Forma Meravigli è un’iniziativa di Fondazione Forma per la Fotografia in collaborazione con la Camera di Commercio di Milano e Contrasto.

A quarant’anni dalla conclusione del Festival del proletariato giovanile nel Parco Lambro di Milano, vengono presentate per la prima volta al pubblico in versione integrale le fotografie del reporter Dino Fracchia, scattate durante le ultime due edizioni del festival (1975 e 1976): 13 rullini inediti, per un totale di quasi 250 immagini.

gin1

 

 

 

“INTRECCI DI STUDI”
Fino al 27 maggio, è allestita in biblioteca a Como la mostra fotografica di Gin Angri, a cura di Oltre il Giardino, dedicata alla formazione degli stranieri a Como nei vari livelli, dai corsi di italiano per i profughi, per arrivare agli studenti del Politecnico e del Conservatorio.

 

 

invito per web1

Tratti Ritratti e sogni – A Casalbuttano(CR), dove è nata, 60 fotografie di Fulvia Pedroni Farassino presentati dal Comune nella Sala Voghera, ex Filanda Jacini. Dal 7 maggio al 5 giugno la Sala Voghera, ex Filanda Jacini, ospita due lavori molto diversi tra loro ma che testimoniano due interessi fondamentali e costanti dell’attività professionale e della ricerca artistica della fotografa.

La mostra si apre con Tratti e Ritratti curata da Cesare Colombo, una carrellata di protagonisti del cinema, del teatro e della Tv che Fulvia Pedroni Farassino ha realizzato nel corso del tempo frequentando i più autorevoli festival. Uno stacco netto introduce poi Sogni, un percorso fotografico completamente diverso rigorosamente in bianco e nero. Fulvia si serve della tecnica del mosso combinata con l’uso del flash e dello zoom per dare forma all’inquietudine di sogni e incubi, luci e ombre che visitavano le notti del lutto dopo la perdita del marito.

Inaugurazione mostra ore 17,30 – Orari aperture: Mercoledì dalle 20.30 alle 23.00 -Sabato dalle 16.00 alle 19.00 – Domenica dalle 11.00 alle 12.30 e dalle 16.00 alle 19.00 -Visite a richiesta 0374 364480 / 338 546 7166

 

Pier Vittorio Tondelli _ Il mare d'inverno
Il Mare d’inverno, Pier Vittorio Tondelli a Riccione
Fotografie di Fulvia Pedroni Farassino
giornata di Studio su Pier Vittorio Tondelli Al Palazzo Principi sede della Biblioteca Comunale di Correggio, citta natale dello scrittore.

3 web

 

 

Layout 1

 

Da venerdì 13 novembre a Palazzo Ziino, Palermo, si potrà visitare la mostra fotografica di Melania Messina “Silenzi interrotti” curata da Emilia Valenza e organizzata dalla Galleria X3.

La nota fotografa siciliana, durante una ricerca fotografica sul tema realizzata nell’arco di due anni, ha incontrato sette donne che hanno vissuto il trauma indelebile della violenza, riuscendo a descrivere, attraverso il linguaggio fotografico, la loro condizione di donne perseguitate e terrorizzate.

 

 

 

 

anchese

 

 

Anche se ora vi credete assolti… .

gli anni’70 in Italia nelle fotografie dell’archivio storico di Dino Fracchia.

Il decennio fra il settanta e l’ottanta in Italia, chi c’era, se lo ricorda molto bene, anche se oggi qualcuno fa finta di no. Sono iniziati con negli occhi e nella mente sogni di rivoluzione, libertà, uguaglianza ed un modo diverso di vivere e stare insieme, ma poi la passione politica e l’utopia si sono lentamente sgretolate sotto i colpi del terrorismo, delle stragi di stato e del ritorno al più retrivo conformismo. Autoproduzione, 80 pagine, in distribuzione sulle piattaforme  Blurb ed Amazon

 

 

[@ll_bvp] I InvitoLa Sicilia dei fotografi è prodotto da Broadcasting e Edizioni di Passaggio in collaborazione con l’Ufficio Speciale per il Cinema e l’Audiovisivo SiciliaFilmCommission.
Questo documentario vuole essere una lettura della Sicilia attraverso le immagini e i racconti dei 10 fotografi intervistati all’interno del documentario. Se Scianna, Sellerio e Battaglia sono stati oggetto nel corso di questi anni di una lunga attenzione in funzione della loro fotografia,  “La Sicilia dei fotografi” va scoprire altri fotografi; Ezio Ferreri, Carmelo Bongiorno, Mauro D’Agati, Angelo Pitrone, Melania Messina, Giacomo D’Aguanno, Fabio Sgroi, Sandro Scalia che con Melo Minnella e Giuseppe Leone hanno contribuito a definire ulteriormente un’immagine della Sicilia.  A loro, e agli altri che si sono aggiunti nel corso del tempo, si deve una sorta di vero e proprio atlante in forma di scatti: immagini che ritraggono uomini e donne e bambini che scorazzano per strade e paesi; immagini che ritraggono paesaggi e città, i luoghi del lavoro e i luoghi del vivere; il territorio siciliano, nella straordinaria varietà  delle sue forme.

Luce Ultimi

 

UNA LUCE PER GLI ULTIMI – mostra fotografica di  Matteo Biatta

presso il Museo Nazionale della fotografia in Contrada del Carmine 2/f a Brescia -

dal 5 al 27 settembre 2015 | inaugurazione: sabato 5 settembre 2015 hh 17.00

sala mostre e conferenze

 

 

 

villacroceThis is not America

Fotografie di Dino Fracchia

Genova, Museo d’arte contemporanea Villa Croce  dal 17 luglio al 17 agosto  Opening 17 luglio ore 18.30

La mostra si sviluppa a partire da un’incredibile serie di fotografie scattate al Parco Lambro tra il 1975 e il 1976 durante il Festival del Proletariato Giovanile organizzato da “Re Nudo”, importante rivista underground dell’epoca, insieme ad immagini che raccontano le tensioni e le battaglie sociali di un decennio che fu poi segnato da brutale violenza.

Fracchia è uno dei più conosciuti fotogiornalisti italiani, impegnato dall’inizio degli anni ‘70 nel campo del reportage sociale, politico, economico e geografico. Le sue famose immagini sono entrate nella memoria collettiva sociale.

 

 

IMG_2216

 

 

Food life: piatti ritratti.
14 creazioni di altrettanti chef internazionali ritratti da Paolo della Corte. Mai come in questo
periodo nella cucina, oltre alla valorizzazione del gusto, vi è una ricerca estetica con accostamenti,
nei piatti, di colori e di composizioni che fanno pensare ad un’opera d’arte.
E non bisogna dimenticare che Ferran Adrià è stato invitato come artista a Dokumenta di Kassel.

 

 

 

 

 

SANDROSANTIOLI

 

Università Popolare di Camponogara – Via Premaore 38, 30010 Camponogara (VE)
Tel. 041.5139980331.8228533 – E-Mail: segreteria@unipopcamponogara.it

RASSEGNA FOTOGRAFIA 2014/15

5° SERATA

Dino Fracchia

il 20.02.15 alle 20:40:00

presso sala Consigliare del Comune di Camponogara

http://www.unipopcamponogara.it

 

 

volantino gennaiofb

 

UNA LUCE PER GLI ULTIMI

Mostra fotografica di Matteo Biatta
inaugurazione Venerdì 9 gennaio 2015 alle ore 20:45
Sala Ss. Filippo e Giacomo
via Battaglie 61 – Brescia
Interverranno:
Matteo Biatta
Andrea Faini – giornalista
Laura Castelletti – Vice Sindaco e Assessore alla Cultura al Comune di Brescia

 

Afagnan e Tanguiéta sono divise da 700 chilometri e si trovano in due stati diversi dell’Africa occidentale, Togo e Benin, ma c’è un filo che le unisce: gli Ospedali costruiti sul finire degli anni sessanta dal Fatebenefratelli. L’ospedale di Afagnan venne inaugurato nel 1968, quello di Tanguiéta solo due anni più tardi, e da allora nelle due strutture vengono curati centinaia di pazienti all’anno; costituiscono gli unici punti di riferimento per popolazioni che, in alternativa, non avrebbero altra soluzione che affidarsi a stregoni di villaggio.

 

 

invito

 

Sguardi su una città tra solidarietà e disagio
2004 – 2014, 10 anni a Milano

Storie e volti di esclusione e inclusione sociale negli scatti di
Gianni Berengo Gardin, Francesco Cito, Roberto Arcari, Isabella Balena, Carlo Cerchioli, Isabella de Maddalena, Dino Fracchia, Andrea Frazzetta, Enrico Mascheroni, Stefano Pavesi, Armando Rotoletti, Alberto Roveri.
Mostra fotografica collettiva a cura di Mariella Sandrin

INAUGURAZIONE
Martedì 25 novembre, ore 18.30
nei locali del ristorante – caffè “I Chiostri di San Barnaba”
via San Barnaba 48, Milano

 

 

 

 

Mostra FotograficaUN BLUES PER CUBA

mostra fotografica di Andrea Pagliarulo – fotogiornalista- Cuba confonde, stupisce, disorienta. Si arrivi con un’idea stereotipata e si va via senza averne una. Non è facile raccontarla. C’è una Cuba degli slogan sui muri, una dei paesaggi mozzafiato, una orgogliosa e una umile, una silenziosa e un’altra incredibilmente allegra. Un concentrato di contraddizioni colmo ricchezza. Le foto in mostra sono del 2007: un viaggio di 12 giorni tra l’Avana, Vinales, Santa Clara e Santiago. Un viaggio solitario, silenzioso e discreto.  CULTURE DEL MONDO 2014: Cuba – Casa Bondi – CASTENASO (BO) MERCOLEDI’ 9 LUGLIO ore 19.30INFO cultura@comune.castenaso.bo.it – 051-6059255

 

 

Anni settanta e dintorni

Brescia, Dal 6 maggio al 10 giugno 2014 all’interno del Museo Santa Giulia è allestita la mostra fotografica a cura di Tatiana Agliani e di Renato Corsini dal titolo “Anni Settanta e dintorni”. La mostra apre il calendario degli eventi con cui la città, con la regia di Casa della Memoria, intende ricordare il quarantennale della strage di piazza della Loggia.

170 fotografie che raccontano un’epoca, quella del decennio 1968 – 1978 – , immagini iconiche che appartengono alla cultura collettiva. Scattate dai più importanti nomi del fotogiornalismo, le fotografie in mostra documentano i principali momenti e avvenimenti dell’Italia del post boom economico: dalla protesta del 1967 fino all’omicidio di Aldo Moro, passando attraverso le manifestazioni studentesche, le lotte armate, gli attentati terroristici. Saranno esposte, fra le altre, fotografie di Gianni Berengo Gardin, Uliano Lucas, Dino Fracchia, Pepi Merisio, Ugo Mulas, Tano D’Amico, Gianni Capaldi, Ugo Liprandi e di molti altri.

Museo di Santa Giulia, White Room, dal 6 maggio al 10 giugno 2014 (chiuso il lunedì) orario: 9.30 – 17.30 -Ingresso libero

 

 

1508204_276062665887014_909755988_n

 

( R)esistenze Anomale – V festa delle resistenze d’oggi

Urbino – Collegio Raffaello, Sala 5, piazza della Repubblica -14-15-16-17 Aprile 2014

Inaugurazione della mostra fotografica “Le istituzioni totali: Regina Coeli, Rebibbia, Ponte Galeria: immagini e parole non dette” da un progetto di Stefano Montesi.

 

 

 

 

 

512_INVITO_BLITZGALLERY

Istanbul. Un libro di fotografie di Mauro Guglielminotti con testi di Orsola Casagrande, Mehmet Gureli, Metin Yegin, Esmahan Aykol , Fusun Demirel.

 L’opera è un omaggio a questa grande capitale ponte tra occidente e oriente. Accanto alle immagini di Mauro Guglielminotti, la scrittrice Esmahan Aykol, l’artista Mehmet Güreli, il giornalista e regista Metin Yeğin, l’attrice Fusun Demirel raccontano una parte intima e suggestiva della città.

Orsola Casagrande, giornalista, propone una incursione nell’attualità politica. Le fotografie di Mauro Guglielminotti sono il filo conduttore: attraversano la cultura, la realtà sociale e politica della grande metropoli turca. Un viaggio per immagini che parte dal 1997 e si conclude con le manifestazioni dell’estate del 2013 di piazza Taksim in difesa del parco Gezi.

 Il libro propone una visione di Istanbul diversa e originale. Inserisce elementi di curiosità che portano fuori dai circuiti classici e stereotipati. Attiva tutti i sensi per meglio scoprire le suggestioni che ad un visitatore attento, Istanbul offre. Questo libro, primo di una serie, ha la specificità di raccontare la città attraverso gli occhi ma anche le parole di quanti la città la vivono giorno dopo giorno.

 Le informazioni sul libro e il progetto si possono trovare anche sul sito www.rewend.eu. La parola ‘rewend’ significa nomade in curdo. Proprio questo spirito nomade caratterizza l’opera di Mauro Guglielminotti. Fotografie e testi servono ad aiutare a vedere meglio, comprendere e condividere cambiamenti e evoluzioni dei luoghi.

 La tecnologia tradizionale, i libri, e quella moderna, i supporti informatici da mettere nello zaino o da guardare prima di partire, visualizzare in un momento di pausa del viaggio, sono il naturale compendio che il viaggiatore può avere con se in viaggio e anche in questo senso “Istanbul” rappresenta una perfetta sintesi tra antico e moderno. Un po’ come la città che si affaccia sul Bosforo.